Casa della Pace Massimo Cecchi (Uganda)

thumb image

 

Il progetto prevede la realizzazione di un centro di formazione giovanile alla pace ed alla cooperazione per l’Africa centrale. Il centro sarà composto da una sala per la formazione ed educazione alla pace, ai diritti umani, e per la promozione del microcredito, da un ostello ed un panificio pizzeria. Le attività commerciali all’interno del centro, oltre ad essere opportunità di lavoro per i giovani ugandesi, genereranno gli utili necessari all’autosufficienza economico-finanziaria del centro, in continuità con il format progettuale, per primo promosso dal movimento Shalom che prevede che accanto ad azioni sociali, nascono attività che rendano autonomo il  progetto e che diano lavoro alla popolazione.

Il centro sarà interamente gestito della sezione locale del Movimento Shalom.

Obiettivi:

  • Dar vita ad un centro formativo nella regione Africana dei Grandi Laghi tormentata da continue stragi e conflitti razziali
  • Promuovere i processi di dialogo interreligioso e multietnico in favore della pace
  • Promuovere i processi di formazione ed alfabetizzazione nei bambini e nei giovani
  • Promuovere campagne di informazione alle tematiche igienico-sanitarie
  • Promuovere la difesa dei diritti umani
  • Migliorare il coordinamento e la gestione dei progetti di cooperazione
  • Stimolare l’avviamento di piccole attività produttive e commerciali
  • Raggiungere entro pochi anni l’autosufficienza economica e finanziaria

Implementazione con altri progetti:

Il metodo del progetto è stato trasferito dall’esperienza pluriennale maturata in Burkina Faso, mediante il progetto Laafi Roogo, che attualmente dà lavoro a circa 15 giovani e genera utili per il sostentamento di interventi sociali promossi dal Movimento Shalom in Burkina Faso. E’ realizzato nella regione dei Grandi Laghi, dove il Movimento Shalom è presente con il progetto Amahoro (Università della Pace) in Burundi volto alla formazione delle nuove rappresentanze politiche e sociali, e allo sviluppo del dialogo inter-etnico.

Il progetto è sostenuto dalla campagna “1 centesimo a km”.

Stato attuale:

E’ stato acquistato il terreno dove realizzare l’intervento e sono iniziati i lavori di costruzione della struttura.

Per essere sempre aggiornato sullo stato dei lavori guarda su Facebook il gruppo “Casa della Pace Massimo Cecchi“.

Dicembre 2014: lavori in corso

Dicembre 2015: è quasi ultimata la struttura e sono iniziati i lavori per gli impianti elettrici e idraulici