Ci sono 3 buoni motivi per destinare il tuo 5x1000 al Movimento Shalom

1. Massima trasparenza e affidabilità: ogni centesimo raccolto dal Movimento Shalom Onlus con il 5 x mille e con le altre attività viene impiegato nel modo più trasparente possibile. Il Movimento, per garantire ai soci e ai sostenitori la massima chiarezza, pubblica ogni anno il bilancio economico e sociale.

2. I tuoi soldi a chi ne ha bisogno DAVVERO: Shalom ha deciso che prima di tutto vengono i più poveri, per questo ti garantisce che solo il 10% della raccolta fondi viene impiegato per la gestione, mentre il 90% viene destinato alla solidarietà.

3. Non beneficienza, ma SOLIDARIETA’: il Movimento Shalom che promuove solo PROGETTI “AUTOSOSTENIBILI”, ossia progetti che, una volta avviati, riescono a diventare autonomi e non hanno più bisogno di alcuna forma di beneficenza. Per questo il tuo 5 x mille sarà impiegato bene!

Per destinare il tuo 5×1000 al Movimento Shalom basta firmare nel riquadro denominato: “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative…” della tua dichiarazione dei redditi e inserire sotto la tua firma il codice fiscale del Movimento Shalom

91003210506

Per destinare il tuo 5×1000 al Movimento Shalom basta firmare nel riquadro denominato: “Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative…” della tua dichiarazione dei redditi e inserire sotto la tua firma il codice fiscale del Movimento Shalom

91003210506

Cosa possiamo fare con il tuo 5x1000

Domande frequenti

Cos’è il 5x1000?

Il 5×1000 è un particolare tipo di donazione che proviene dall’imposta sul reddito delle persone fisiche – IRPEF – come stabilito dalla Legge Finanziaria del 2006. Chiunque presenti la dichiarazione dei redditi può scegliere di destinare la propria quota, pari al 5×1000, a finalità di sostegno di particolari enti no profit, o di finanziamento della ricerca scientifica, o universitaria e sanitaria, compilando, con firma e codice fiscale dell’associazione, l’apposita sezione sulla dichiarazione dei redditi.

Il 5x1000 non mi costa nulla. È vero?

È vero. La scelta di destinare il 5×1000 dell’IRPEF al Movimento Shalom non comporta alcune spesa aggiuntiva. Se non si effettua alcuna scelta, il 5×1000 resta allo Stato.

Dono già l'8x1000: posso scegliere di donare anche il 5x1000?

Sì, il 5×1000 e l’8×1000 sono due meccanismi completamente diversi e non si escludono a vicenda, anzi è possibile scegliere di effettuare entrambi. Il 5×1000 è una quota dell’IRPEF che i cittadini possono destinare agli enti del cosiddetto “terzo settore”, cioè enti che operano in ambito di interesse sociale. Questi enti possono operare in ambiti diversi, tra questi nel volontariato come il Movimento Shalom. L’8×1000 è la quota del gettito fiscale dell’IRPEF diviso, a seconda delle preferenze dei contribuenti, tra lo Stato e le diverse confessioni religiose che hanno firmato il protocollo d’intesa.

Cosa fare per destinare il mio 5x1000 al Movimento Shalom?

Per destinare il tuo 5×1000 al Movimento Shalom basta firmare nel riquadro dedicato “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale…”, specificando il codice fiscale Movimento Shalom (91003210506) nello spazio sotto la firma.

Che succede se firmo soltanto senza indicare il codice fiscale?

Se non viene specificato il codice fiscale, la cifra non verrà attribuita al Movimento Shalom, ma sarà suddivisa in modo proporzionale al numero di preferenze ricevute dalle associazioni appartenenti alla stessa categoria.

Si può esprimere la preferenza per due o più enti diversi?

No, si può esprimere solo una preferenza ed inserire il codice fiscale di un solo ente beneficiario.

Non ho l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi: posso comunque scegliere a chi destinare il mio 5x1000?

Sì, anche se non devi presentare la dichiarazione dei redditi puoi devolvere al Movimento Shalom il tuo 5×1000. Compila la scheda fornita insieme al CUD dal tuo datore di lavoro (o dall’ente erogatore della pensione) firmando nel riquadro indicato come “Sostegno alle organizzazioni non lucrative” e indicando il codice fiscale del Movimento Shalom 91003210506.

La scheda va presentata, in busta chiusa, entro il 30 settembre 2019:

– allo sportello di un ufficio postale che rilascerà una ricevuta e provvederà a trasmettere la scelta all’Amministrazione finanziaria gratuitamente.

– ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, CAF, ecc.). Quest’ultimo deve rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta attestante l’impegno a trasmettere la scelta. Gli intermediari hanno facoltà di accettare la scheda e possono chiedere un corrispettivo per l’effettuazione del servizio prestato

– la scheda per la destinazione dell’otto, del cinque e due per mille dell’Irpef può essere presentata direttamente dal contribuente avvalendosi del servizio telematico

La busta da utilizzare per la presentazione della scheda deve recare l’indicazione “Scheda per le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef”, il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente. La scheda deve essere integralmente presentata anche se avete espresso soltanto una delle scelte consentite (otto, cinque o due per mille dell’Irpef).

Domande frequenti

Cos’è il 5x1000?

Il 5×1000 è un particolare tipo di donazione che proviene dall’imposta sul reddito delle persone fisiche – IRPEF – come stabilito dalla Legge Finanziaria del 2006. Chiunque presenti la dichiarazione dei redditi può scegliere di destinare la propria quota, pari al 5×1000, a finalità di sostegno di particolari enti no profit, o di finanziamento della ricerca scientifica, o universitaria e sanitaria, compilando, con firma e codice fiscale dell’associazione, l’apposita sezione sulla dichiarazione dei redditi.

Il 5x1000 non mi costa nulla. È vero?

È vero. La scelta di destinare il 5 per mille dell’IRPEF al Movimento Shalom non comporta alcune spesa aggiuntiva. Se non si effettua alcuna scelta, il 5×1000 resta allo Stato.

Dono già l'8x1000: posso scegliere di donare anche il 5x1000?

Sì, il 5×1000 e l’8×1000 sono due meccanismi completamente diversi e non si escludono a vicenda, anzi è possibile scegliere di effettuare entrambi. Il 5×1000 è una quota dell’IRPEF che i cittadini possono destinare agli enti del cosiddetto “terzo settore”, cioè enti che operano in ambito di interesse sociale. Questi enti possono operare in ambiti diversi, tra questi nel volontariato come il Movimento Shalom. L’8×1000 è la quota del gettito fiscale dell’IRPEF diviso, a seconda delle preferenze dei contribuenti, tra lo Stato e le diverse confessioni religiose che hanno firmato il protocollo d’intesa.

Cosa fare per destinare il mio 5x1000 al Movimento Shalom?

Per destinare il tuo 5×1000 al Movimento Shalom basta firmare nel riquadro dedicato “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale…”, specificando il codice fiscale Movimento Shalom (91003210506) nello spazio sotto la firma.

Che succede se firmo soltanto senza indicare il codice fiscale?

Se non viene specificato il codice fiscale, la cifra non verrà attribuita al Movimento Shalom, ma sarà suddivisa in modo proporzionale al numero di preferenze ricevute dalle associazioni appartenenti alla stessa categoria.

Si può esprimere la preferenza per due o più enti diversi?

No, si può esprimere solo una preferenza ed inserire il codice fiscale di un solo ente beneficiario.

Non ho l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi: posso comunque scegliere a chi destinare il mio 5x1000?

Sì, anche se non devi presentare la dichiarazione dei redditi puoi devolvere al Movimento Shalom il tuo 5×1000. Compila la scheda fornita insieme al CUD dal tuo datore di lavoro (o dall’ente erogatore della pensione) firmando nel riquadro indicato come “Sostegno alle organizzazioni non lucrative” e indicando il codice fiscale del Movimento Shalom 91003210506.

La scheda va presentata, in busta chiusa, entro il 30 settembre 2019:

– allo sportello di un ufficio postale che rilascerà una ricevuta e provvederà a trasmettere la scelta all’Amministrazione finanziaria gratuitamente.

– ad un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, CAF, ecc.). Quest’ultimo deve rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta attestante l’impegno a trasmettere la scelta. Gli intermediari hanno facoltà di accettare la scheda e possono chiedere un corrispettivo per l’effettuazione del servizio prestato

– la scheda per la destinazione dell’otto, del cinque e due per mille dell’Irpef può essere presentata direttamente dal contribuente avvalendosi del servizio telematico

La busta da utilizzare per la presentazione della scheda deve recare l’indicazione “Scheda per le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef”, il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente. La scheda deve essere integralmente presentata anche se avete espresso soltanto una delle scelte consentite (otto, cinque o due per mille dell’Irpef).

Guarda il video

Guarda il video