Dove si trova il Burkina FasoSuperficie:  274.471 Km²
Abitanti:  12.272.000 (stime 2001)
Densità:  45 ab/Km²
Forma di governo:  Repubblica presidenziale
Capitale:  Ouagadougou (824.000 ab.)
Gruppi etnici:  Mossi 48%, Mande 17%, Fulbe 10%, Tuaregh e altri 25%
Paesi confinanti:  Mali a NORD-OVEST, Costa d’Avorio, Ghana, Togo e Benin a SUD, Niger ad EST
Clima:  tropicale di tipo sub sahariano con 2 stagioni decisamente contrastanti: la stagione delle piogge della durata di circa 4 mesi (maggio-giugno/settembre) e la stagione secca.
Lingua:  Francese (ufficiale), dialetti etnici
Religione:  Animista 65%, Musulmana 25%, Cristiana 10%
Moneta:  Franco CFA

 

Referenti per l’adozione

Burkina Faso
Autorità competente:
Direction des Placements et de l’Adoption – Ministere de l’action sociale et de la solidarite nationale
01 Ouagadougou – 01 BP 515

Ambasciata d’Italia competente:
Abidjan (Costa d’Avorio) 16, rue de la Canebière 01 BP 1905 – http://www.ambabidjan.esteri.it/

Rappresentanza diplomatica in Italia:
Ambasciata del Burkina Faso
via Venti Settembre, 86 00187 Roma – http://www.ambaburkinaitalie.it/

 

Normative e procedure

Il Paese ha ratificato la Convenzione de l’Aja n.33 del 29/05/93 il 11/01/1996; il 01/05/1996 è entrata in vigore.

Normativa Vigente
• Codice delle Persone e della Famiglia del 1990 (artt. 470-507);
• Decreto relativo alla creazione ed alle condizioni per l’apertura dei centri d’accoglienza dei minori in difficoltà, n. 2010-616/PRES/PM/MASSN;
• Decreto sulle condizioni degli affidamenti e del post-adozione dei minori nelle strutture d’accoglienza e nelle famiglie d’accoglienza, n. 2010-617/PRES/PM/MASSN.

Requisiti previsti dalla normativa locale per gli adottanti
• Possono adottare le coppie sposate da almeno 5 anni;
• la coppia non può avere più di un figlio (adottivo o biologico);
• gli adottanti non devono avere più di 50 anni di età.

Requisiti relativi all’adottando
• Un bambino può essere adottato se dichiarato abbandonato dal tribunale civile oppure se i genitori hanno redatto un atto autenticato davanti a un giudice dichiarando il consenso all’adozione;
• I minori proposti per l’adozione internazionale sono generalmente nati da relazioni extra coniugali, oppure da relazioni “incestuose” (cioè tra membri della medesima grande famiglia) oppure da madre con problemi psichiatrici.

La procedura
La coppia, dopo che ha conferito l’incarico all’Ente Autorizzato, dovrà preparare un dossier contenente una serie di documenti, il quale, una volta tradotto e legalizzato, sarà inviato all’Autorità Centrale Burkinabè, che ne esaminerà il contenuto e informerà sull’accettazione o meno della coppia.

Il tempo medio per l’abbinamento è di circa 1 anno. L’abbinamento viene effettuato dall’Autorità Centrale del Burkina Faso.

Dall’accettazione dell’abbinamento alla sentenza di adozione intercorrono circa 8 mesi mesi. Un mese è il tempo previsto per un eventuale ricorso di appello avverso la medesima, al termine del quale la sentenza diventa esecutiva. Dopo occorrerà un altro mese circa per raccogliere tutti i documenti, tradurli e legalizzarli presso l’Ambasciata Italiana competente che è in Costa D’Avorio, inviarli alla CAI per ottenere l’Autorizzazione all’ingresso ed alla residenza permanente in Italia del Minore, ottenere il passaporto del minore ed infine il visto di ingresso in Italia per il bambino.

Il tempo di permanenza nel Paese è di circa 20/30 giorni

Forma della decisione: giudiziaria

Effetti della decisione:

  • interruzione dei legami precedenti l’adozione
  • creazione di un nuovo legame di filiazione
  • irrevocabilità

Dati statistici riferiti all’ingresso in Italia dei minori:

Anno n. bambini Femmine Maschi
2011 08 03 05
2012 09 05 04
2013 06 03 03
2014 08 03 05
2015 06 01 05
2016 09 03 06

 

Le scadenze del post adozione:
A seguito di una riforma introdotta dal Ministero dell’Azione Sociale e della Solidarietà Nazionale del Burkina Faso nel novembre 2014, dovrà essere depositata 1 relazione post-adozione per i primi 2 anni dall’ingresso in Italia del minore e poi 1 ogni 3 anni sino al compimento del 18° anno di età.
E’obbligatorio allegare una o due foto del minore alla relazione posta adozione.
La coppia può decidere se far redigere la relazione ai Servizi Sociali (il Movimento Shalom è firmatario del Protocollo con la Regione Toscana e i Centri Adozione) oppure direttamente dall’Ente.