Il corso è sperimentale della durata di tre mesi e si rivolge ai giovani migranti accolti dagli enti promotori sul territorio.

I comuni di Fucecchio, San Miniato, Montaione, Castelfranco di Sotto, Montopoli, S.Croce sull’Arno sono i patrocinatori del progetto.

La proposta generale si articola su tre ambiti:
1. corso di formazione
2. laboratori comuni
3. volontariato sulla base delle disposizioni regionali

La parte teorica si terrà 2 mattine alla settimana ( lunedì e mercoledì dalle 9.00 alle 12.00) presso la Sala del Poggio di Fucecchio per i profughi di area anglofona. Per l’area francofona gli incontri si svolgeranno sempre a Fucecchio presso la saletta don Lorenzo Milani, sede del Movimento Shalom, in Via Donateschi n° 37. Pranzo comune. Nel pomeriggio e nelle restanti mattinate libere, saranno proposti il volontariato e i laboratori per l’apprendimento di arti e mestieri per gruppi di almeno 10 persone con eventuale possibilità di partecipazione anche di persone autoctone preferibilmente nelle sedi di residenza.

Obiettivi del percorso:

a) Conoscenza generale del paese ospitante
b) Acquisizione delle nozioni fondamentali di educazione civica
c) Informazione sulle Associazioni locali che si occupano della cooperazione in Africa e nelle aree geografiche di provenienza dei profughi con possibilità di inserimento nelle medesime
d) Strategie socio-economiche per lo sviluppo dei paesi di provenienza
e) Storia della resistenza italiana e ruolo dei giovani per conquistare la libertà e la democrazia
f) Cura della persona e dell’ambiente

Programma formativo

  • Teoria dello sviluppo dei popoli
  • Sociologia della pace
  • Diritti umani e volontariato
  • Costituzione italiana
  • Dialogo interreligioso: unità e diversità nelle religioni unite per un mondo fraterno
  • Educazione civica, sanità e igiene

Laboratori pomeridiani

  • Laboratorio teatrale e musicale
  • Laboratorio di sartoria
  • Laboratorio di cucina
  • Laboratorio di formazione informatica

Il Corso è iniziato il 21 ottobre 2015 e si è concluso il 21 dicembre 2015. Hanno partecipato circa 70 richiedenti asilo provenienti da Nigeria, Gambia, Senegal, Mali, Costa d’Avorio, Guinea, Pakistan e Bangladesh.

Le foto della presentazione

Foto della consegna degli attestati di partecipazione (21 dicembre 2015)