Scuola materna Renato Moro a Dorì (Burkina Faso)

thumb image

 

Il progetto

Realizzazione di una scuola materna per Dorì, nel nord del Burkina Faso, ai confini con il deserto del Sahel.

I lavori di costruzione dell’edificio sono stati seguiti dalla Diocesi di Dorì; la scuola è gestita dalle Suore dell’Immacolata Concezione (SIC), referenti locali di Shalom.

Il progetto nasce per volere dell’Istituto Comprensivo Statale “Renato Moro” di Taranto che, desiderando costruire una scuola omonima in Africa, dopo l’incontro con Mons. Ouedraogo, vescovo di Dorì, e con il Movimento Shalom Onlus, ha deciso di provvedere alla realizzazione della scuola finanziandola interamente. In un incontro a Taranto, nel 2008, il Vescovo aveva infatti palesato la necessità di avere una scuola materna a Dorì per aiutare il suo Paese nella lotta contro l’analfabetismo, che tocca quasi l’80% della popolazione.

L’I.C. Renato Moro ha attivato, in modo autonomo, svariate iniziative per il reperimento dei fondi per costruire la scuola, come mercatini solidali di vario genere e soprattutto è stata creata la compagnia teatrale de “I Fuori…classe”, composta da docenti e genitori degli alunni che rappresenta in città ed in provincia commedie in vernacolo tarantino per realizzare il progetto con il ricavato.

Stato dei lavori

I lavori di costruzione della scuola, realizzata attraverso la collaborazione del Movimento Shalom di Taranto, sono iniziati a novembre 2009 con la posa della prima pietra, e si sono conclusi nel 2011. Nel corso del 2011 i benefattori hanno provveduto all’acquisto dell’arredo scolastico; a settembre 2012 sono iniziate le lezioni con 50 bambini tra maschi e femmine.

A seguito della missione umanitaria dello Shalom di Puglia in Burkina Faso, durante la visita di monitoraggio della scuola, avvenuta a febbraio 2014, le suore, le insegnanti e i piccoli alunni hanno mostrato ai volontari la necessità di un’area di copertura per l’area giochi antistante alla scuola, poiché il caldo e il sole cocente, trovandosi in pieno deserto del Sahel, impedivano ai bimbi l’utilizzo dei giochi durante la ricreazione a causa dell’eccessiva calura.
Di rientro, una socia Shalom della Sezione di Mottola (Taranto) del Movimento, presente durante la missione, ha finanziato la realizzazione di un hangar di copertura dell’area giochi che è stato realizzato, su progetto e preventivo della diocesi locale, nella primavera del 2014