Trent’anni di Shalom in Burkina Faso

thumb image

 

In partenza una delegazione di Shalom guidata da don Cristiani, ne fa parte anche Paolo Vallesi a nome della Nazionale Italiana cantanti.

Era il 1988 quando un giovane parroco da poco arrivato a San Miniato, don Andrea Cristiani, si recò in Burkina Faso insieme a un piccolo gruppo di volontari Shalom invitati dall’allora arcivescovo di Ougadougou, il card. Paul Zoungrana per portare un aiuto alla popolazione. Il paese tra i 5 più poveri al mondo era sconosciuto ai più e stava uscendo da una guerra civile dopo l’assassinio dell’amato presidente rivoluzionario Sankara. Sono passati 30 anni e proprio il 3 gennaio 2018 si recherà in Burkina faso una nutrita delegazione del Movimento Shalom guidata sempre da don Andrea Cristiani per ricordare i 30 anni di presenza nel paese degli uomini integri, così sono chiamati i burkinabé.

“ All’arrivo a Ouagadougou – dichiara don Andrea – fummo subito colpiti dall’estrema povertà: anche la capitale aveva l’aspetto di un villaggio, con strade polverose e capanne di fango. Oggi a distanza di trenta anni, nonostante ci siano notevoli carenze e larga parte della popolazione che vive nella miseria più assoluta è evidente che il paese almeno nelle città principali ha avuto una buona evoluzione e un miglioramento nelle infrastrutture e nei servizi di base. Certo c’è ancora tanto, troppo da fare, ma senza falsa modestia credo che la presenza di Shalom abbia contribuito non poco al progresso del Burkina.”

Oggi il Movimento Shalom è presente con propri aderenti in quasi tutto il paese ed ha progetti in campo educativo, agricolo, sanitario, sociale in quasi tutti i distretti del paese. A livello economico in 30 anni abbiamo trasferito nel paese africano oltre 25 milioni di euro, senza contare tutto ciò che i nostri panifici, le aziende di perforazioni di pozzi, gli ostelli, le produzioni agricole di fagiolini hanno prodotto come risultato economico locale. Abbiamo sostenuto economicamente e con continuità mandando a scuola e garantendo un alimentazione minima più di 16.000 bambini grazie alle adozioni a distanza, realizzato migliaia di pozzi con le trivelle e le aziende create, abbiamo realizzato e sono in essere scuole di ogni ordine e grado dalle materne, fino alla nostra Università Ips che nello scorso mese ha avuto anche il prezioso riconoscimento del Cames che rende validi i diplomi di laurea conseguiti non solo in Burkina, ma anche in gran parte degli altri paesi africani; non possiamo dimenticare i presidi e i dispensari sanitari su tutti il centro oculistico di Leo un eccellenza per il paese e poi i panifici sociali dove è nato il famoso Pane Shalom venduto anche nei supermercati italiani, le pizzerie, gli ostelli sempre collegati al mantenimento di case famiglia per orfani o ragazzi di strada, centri di formazione; per non parlare del progetto dei fagiolini verdi e delle altre produzioni agricole, o del Microcredito per le donne, come dei tanti altri piccoli e grandi progetti realizzati e tutt’ora attivi.

“ Dobbiamo ringraziare – dichiara Gabriele Gronchi presidente di Shalom che sarà presente al viaggio in Burkina – soprattutto le migliaia di persone che con piccole donazioni hanno potuto sostenere a distanza migliaia e migliaia di bambini, tutti i volontari che non solo in Toscana, ma anche in Puglia, in Campania, Lazio e nel nord Italia hanno partecipato e organizzato raccolte fondi e iniziative di cooperazione che hanno prodotto davvero tanta solidarietà e tanta cultura e conoscenza delle realtà e dei diritti dei popoli più poveri. Anche le cooperative, fra tutte Unicoop Firenze e Unicoop Tirreno ma anche altre, e le aziende come Italsilva sono state e sono tutt’ora partner fondamentali per lo sviluppo e l’aiuto agli ultimi. Infine soprattutto negli anni dal 2000 al 2010 è stato importante l’apporto degli enti locali e della regione, così come della Conferenza episcopale italiana che grazie hai fondi 8xmille ci permette proprio in questo anno di ultimare lo studentato, la biblioteca e il miglioramento della Università Shalom di Ouagadougou”.

“Dobbiamo costatare con rammarico – continua Luca Gemignani, direttore del Movimento – che purtroppo fino ad oggi non siamo riusciti ad attingere ai fondi governativi previsti dalla cooperazione italiana, nonostante i nostri svariati tentativi. Ci dispiace, ma confidiamo che i prossimi governi siano più attenti a realtà come la nostra soprattutto in paesi strategici come il Burkina e non solo.”

Il gruppo che si recherà in Burkina, in partenza il 3 gennaio, è composto da 18 persone alle quali si aggiungono 4 persone partite in precedenza. Della delegazione fa parte anche il cantante Paolo Vallesi che viene in Burkina Faso non solo come esperienza personale, ma come rappresentante della Nazionale Italiana Cantanti con cui abbiamo realizzato due importanti eventi con le partite “metti in campo il cuore” di Empoli 2016 e Pisa 2017. Eventi che in totale hanno prodotto oltre 100 mila euro di solidarietà che sono andati e andranno per garantire scuole, acqua e alimentazione ai bambini del Burkina e non solo; Vallesi infatti parteciperà personalmente alla realizzazione di un pozzo realizzato proprio grazie all’evento di Empoli.

“Oggi più di prima – continua don Andrea Cristiani – credo che una cooperazione come quella di Shalom sia lo strumento più efficace e lasciatemi dire più umano per frenare il fenomeno delle migrazioni e della tratta degli esseri umani. Spero che i nostri governanti se ne rendano conto e facciano seguire alle troppe parole fatti concreti e impegni precisi”.