Lettera aperta

thumb image

 

Al Direttore di Avvenire
Alla Conferenza Episcopale Italiana
Al Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana Mons. Nunzio Galantino
Al Segretario di Stato Vaticano Mons. Pietro Parolin​
Ai Vescovi Italiani
​​​​
Avvenire da che parte sta? Sostiene lo sfruttamento dei bambini?
Il forum delle associazioni trasparenti esprime la propria indignazione per gli articoli ripetutamente comparsi su Avvenire in difesa di associazioni sospette e clamorosamente indagate per sfruttamento ai fini di lucro delle adozioni internazionali.
Di fronte a gravissimi fatti che vedono come vittime principali i bambini, di fronte ad uno scandalo di proporzioni internazionali che riguarda il traffico di minori, puntualmente denunciato dalla Commissione per le Adozioni Internazionali, cioè dalla competente istituzione governativa, in più sedi, amministrativa, giudiziaria e parlamentare, Avvenire continua a spendere il nome dei vescovi italiani in difesa di associazioni al centro di questi scandali e di serissime inchieste.
Le ripetute formali proteste inviate al giornale Avvenire sono state puntualmente disattese sia quelle delle associazioni che quelle dei genitori offesi. Ci teniamo a precisare inoltre lo spirito cattolico che anima il nostro forum e il nostro sdegno che un giornale organo ufficiale della CEI sia schierato contro lo Stato (Cai) a sostegno dello sfruttamento dei bambini a scopo di lucro.
Avvenire e la CEI hanno dimenticato chi è Silvia Della Monica ed il suo servizio di magistrato reso allo Stato in difesa della legalità e della giustizia?  Il suo coraggio nella lotta alla mafia a fianco di uomini come Falcone e Borsellino? Sconcertati chiediamo scuse formali e apprezzamento per il suo operato in favore dei bambini. Oppure nella Chiesa Cattolica vice ancora l’abitudine di nascondere l’orrore? Come nel caso delle migliaia di bambini abusati dal clero nel mondo? Tutto ci fa pensare, tristemente a questo!
Gli Enti Autorizzati che sono dalla parte della legalità e che sostengono le Istituzioni