Pane Shalom

thumb image

 

IL PANE CHE AIUTA IL PANE

Si chiama Pane Shalom e sarà in vendita dal 2 dicembre in tutti i negozi di Unicoop Firenze

Il ricavato finanzierà l’apertura del terzo panificio-pizzeria in Burkina Faso

È nato in Burkina, a Loumbila, nel panificio realizzato dal Movimento Shalom e Unicoop Firenze. Ben presto è diventato il prodotto più venduto, perché piace molto e si conserva bene. Si tratta di una baguette intrecciata, con i semi di sesamo e si chiama Pane Shalom, pane della pace.

Dal 2 al 31 dicembre il Pane Shalom sarà in vendita nei punti vendita di Unicoop Firenze (circa 100 negozi) dotati di un forno e il ricavato sarà devoluto per il nuovo progetto: l’apertura nel 2014 di un terzo panificio a Koupela, sempre in Burkina, dopo Loumbila (aperto nel 2003) e Fada N’Gourma (2012).

Anche il nuovo panificio segue i due modelli già realizzati in passato: strutture in grado di automantenersi e investire risorse per la comunità locale. Il primo panificio, quello di Loumbila, ha consentito di sostenere l’orfanotrofio adiacente in cui sono ospitati cica 200 bambini. Con il secondo (Fada N’Gourma) è stato possibile costruire un centro per i bambini di strada.

Il terzo panificio di Koupela prevede la costruzione di un locale capace di ospitare almeno 50 persone con cucina e servizi adeguati, attrezzature e quanto necessario per la produzione e la commercializzazione del pane e della pizza. Sorgerà all’interno di un complesso che vedrà anche la realizzazione di una foresteria e una scuola primaria per l’alfabetizzazione. Lo scopo principale, oltre a quello di produrre un fondamentale elemento nutritivo per la popolazione, è anche quello di dare lavoro e reperire risorse per l’autofinanziamento dei progetti sociali associati.